Jaron Lanier, 10 motivi per abbandonare i social

Jaron Lanier è uno sviluppatore di software, giornalista informatico e ha recentemente scritto un libro intitolato Dieci motivi per cancellare subito i tuoi account social. Vi invitiamo a vedere questa intervista e ad approfondire la discussione che è nata e come i social network condizionano ogni giorno la nostra vita con una continua manipolazione creando dipendenza.

Vi segnaliamo alcuni articoli ed estratti:
https://www.linkiesta.it/it/article/2018/06/22/jaron-lanier-per-il-guru-del-tech-lunica-cosa-da-fare-e-abbandonare-i-/38510/
https://tech.everyeye.it/notizie/jaron-lanier-microsoft-ecco-perche-dobbiamo-eliminare-nostri-profili-social-334500.html

E’ online Peranzana.it

Da qualche giorno è online Peranzana.it ( https://www.peranzana.it ) un portale web dedicato alla promozione via internet dell’Olio EVO di Peranzana e all’oliva da mensa di Peranzana, realizzato dall’Associazione Alfa Team. Raccogliamo informazioni e link, realizzando un archivio digitale accessibile a tutti.

Se vuoi collaborare, inviare documentazione, segnalare un produttore o contribuire in qualsiasi modo contattaci.

Facebook e la memoria del web

Una delle funzione più importanti ed attuali della rete Internet è la condivisione di conoscenza e informazioni che costituisce la memoria del web. Una volta c’erano le BBS, le primordiali bacheche elettroniche, i newsgroup egli amati forum. Oggi c’è quasi solo Facebook. InMind Consulting parlando di altro scrive: “I social network non possono essere solo un semplice svago per occupare 10 minuti del proprio tempo o un surrogato per soddisfare i repressi bisogni di autocelebrazione.
Rappresentano ormai un ecosistema virtuale, una sorta di nodo sociale che ha come funzione primaria la creazione di una community aperta per ciascuna delle necessità/esigenze degli utenti.”

Il problema di Facebook e degli attuali social network, a differenza dei forum e dei precedenti aggregatori sta nella memoria o meglio nella conservazione nel tempo dei contenuti e della loro accessibilità. Provate a fare una ricerca su un qualsiasi motore di ricerca, riguardo ad un problema tecnico della macchina, del pc o del telefonino: gli unici risultati disponibili sono articoli di blog e discussioni il più delle volte datate dei forum.

Facebook è sicuramente una piattaforma comoda ed estremamente diffusa, ma l’invito è a diffondere contenuti anche su altre piattaforme che ne conservano i contenuti nel tempo e li rendono accessibili a tutti. Pensiamo ad esempio ai tanti gruppi del fai da te dei camperisti e degli hobby in genere, sui social network spopolano, sono frequentatissimi, ma che fine fanno i messaggi? quanti avranno accesso nel tempo a quei contenuti?

Link interessanti:
Archive.org la memoria del web

30 anni di Internet

internet dAYIl 30 aprile del 1986 l’Italia per la prima volta si è connessa ad Internet: il segnale, partito dal Centro universitario per il calcolo elettronico (CNUCE) di Pisa, è arrivato alla stazione di Roaring Creek, in Pennsylvania. Quella prima connessione era la fine del progetto di un gruppo di pionieri; ed è stato l’inizio di una storia nuova.

Segue un interessante filmato della durata di circa 20 minuti

LOGIN_Il giorno in cui l’Italia scoprì Internet (versione da 20 minuti) from riccardo luna on Vimeo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi